Appello del Sindaco

Appello del Sindaco

Foto 09-01-16, 11 13 56Il Sindaco invita la città a rispettarla per migliorare la qualità dell’aria. Non appena i valori lo consentiranno l’ordinanza verrà revocata. “Com’è noto da domani, martedì 12 gennaio, entrerà in vigore l’ordinanza che istituisce fino al 31 marzo la misura delle targhe alterne, per abbattere i livelli delle polveri sottili riscontrate dall’Arta nell’aria che respiriamo ogni giorno, polveri che sono in misura notevolmente superiore rispetto ai limiti stabiliti dalla legge. Mi preme fare un ulteriore invito alla cittadinanza, ricordando che abbiamo cercato di ampliare al massimo l’elenco delle esenzioni particolari, tenendo presente categorie speciali e scuole, per cui abbiamo anche chiesto ai dirigenti di quelle che fanno orario pomeridiano di rilasciare una certificazione ai genitori affinché circolino malgrado lo stop.
Foto 09-01-16, 11 14 05Nel perimetro in cui i dati sono più preoccupanti da settimane (centro e prima periferia), respirano ogni giorno migliaia di persone, una situazione di cui non possiamo non tenere conto, perché si tratta di bambini, anziani, di una enorme fetta della popolazione esposta ad una situazione sanitaria rischiosa per la salute. L’invito è dunque a rispettare l’ordinanza non per evitare le sanzioni, ma affinché l’aria migliori e ci consenta di adottare conseguenti provvedimenti: alla luce dei dati che verranno sono pronto a revocare tale provvedimento non appena i valori lo consentiranno.
Foto 09-01-16, 11 14 29Ricordo che con le targhe alterne Pescara ha di fatto anticipato quanto stabilito dal recente protocollo fra Ministero dell’Ambiente e ANCI proprio sulle misure anti smog, oltre a recepire anche quanto anche l’Istituto Superiore di Sanità invita a fare con un articolo molto circolato in rete nelle ultime ore. Infatti le targhe alterne arrivano dopo l’ordinanza di abbassamento del riscaldamento, la regolazione della velocità nel centro e i lavaggi della strada che sono cominciati e che da febbraio istituzionalizzeremo secondo calendario anche con i divieti di sosta sulle strade interessate, esattamente come Ministero e Istituto alla Sanità chiedono. L’auspicio è dunque quello di poter mitigare al più presto il contenuto dell’ordinanza, prima della sua naturale scadenza, avendo messo in moto operazioni strutturali e ampie per migliorare la vivibilità cittadina
”.

Ordinanza targhe alterne

Ordinanza targhe alterne

Foto 09-01-16, 11 28 46Firmata dal sindaco Marco Alessandrini l’ordinanza sulle targhe alterne al fine di migliorare lo stato di salute dell’aria cittadina che da settimane riscontra valori negativi oltre i limiti di legge.

Dal 12 gennaio al 31 marzo 2016 la circolazione veicolare a “targhe alterne” dalle ore 9.00 alle ore 12.30 e dalle ore 15.30 alle ore 18.30 sull’intero territorio comunale (salvo provvedimenti di revoca qualora i valori delle polveri dovessero migliorare):

  • martedì: targhe pari – Possono circolare i veicoli con l’ultima cifra della targa pari o uguale a zero;
  • giovedì: targhe dispari – Possono circolare i veicoli con l’ultima cifra della targa dispari.

Foto 09-01-16, 11 18 03“L’Ordinanza è importante perché incide sulla vita delle persone – afferma il sindaco Marco Alessandrini – “Ci siamo mossi in quanto riteniamo che la lotta allo smog, la tutela dell’aria che respiriamo con la riduzione delle emissioni nocive, siano divenuti prioritari perché qualità dell’aria ha raggiunto livelli preoccupanti. Dai dati riscontrati nelle stazioni di rilevazione cittadina risulta che da settimane noi, i nostri figli, i nostri anziani, tutti respiriamo aria la cui qualità oscilla fra il pessimo e lo scadente secondo i parametri identificati dalla legge. Non ci sono stati valori accettabili o buoni se non per intervalli brevissimi non durati a lungo nemmeno durante le feste. In tale ottica ho ritenuto necessario agire a tutela della comunità che vive e frequenta la città, assumendo una serie di iniziative. L’ordinanza è parte di una politica che deve essere più ampia e composita e non solo emergenziale, perché è un nostro preciso e prioritario compito rendere la città vivibile.
Lo stiamo facendo. Le targhe alterne infatti non arrivano come provvedimento alieno, ma fanno seguito ad un’iniziativa di limitazione presa già in dicembre, quando fra il 14 e il 18 abbiamo inibito alle auto vecchie l’accesso in un ampio rettangolo cittadino. Tutto ciò non è stato abbastanza a cambiare le condizioni dell’aria e dopo incontro con Asl, TUA, Aci, associazioni ambientaliste, sindacali e di categoria, ancitipando anche un protocollo sottoscritto qualche giorno fa dal ministro dell’Ambiente con Anci e le Amministrazioni, abbiamo deciso di intervenire a più ampio raggio. Non solo. Con l’ordinanza arriverà anche il lavaggio delle strade, che era un’altra delle attività richieste a livello ministeriale, come la riduzione delle temperature massime del riscaldamento e l’abbassamento della velocità nelle aree urbane a cui abbiamo già provveduto. Abbiamo introdotto le fasce orarie tenendo conto della necessità di recarsi al lavoro e di portare e riprendere i figli a scuola. Ci sono delle doglianze, ma io devo tenere bene a mente la tutela dell’interesse generale, che è quello di una migliore qualità dell’aria perché è un interesse che riguarda tutti, visto che nel perimetro in cui si sono riscontrati i dati negativi ci sono scuole, attività, case di riposo, comunità frequentate dalla cittadinanza. Abbiamo necessità di agire in modo deciso data la situazione che ci troviamo davanti di cui mettiamo a conoscenza la città. Questo significa anche fare prevenzione e avere una prospettiva, con l’adozione al più presto di un piano urbano del traffico e di misure che ci consentano di circolare in misura maggiore su mezzi pubblici su gomma e non solo. C’è poi la consapevolezza che l’ordinanza prevede una vigenza fino al 31 marzo con l’auspicio che nel corso del tempo si possano assumere provvedimenti di sospensione se vi saranno segnali di incoraggiamento nella qualità dell’aria. Ma nel frattempo non possiamo solo invocare la pioggia o sperare che con il vento l’aria migliori. L’invito è a rispettare l’ordinanza non tanto per evitare le sanzioni, ma per aiutarci a migliorare la situazione e l’aria che respiriamo”.

Foto 09-01-16, 11 21 00“L’ordinanza incide inevitabilmente sul concetto di mobilità dentro la città – aggiunge il vice sindaco e assessore alla Mobilità Enzo Del Vecchio – Noi invitiamo la cittadinanza ad usufruire delle proprie auto la mattina fino alle 9 per raggiungere i posti di lavoro o luoghi dove lasciare la macchina e procedere con un mezzo pubblico. L’ordinanza rispecchia in toto l’indirizzo dato dall’esecutivo nazionale in tal senso. Ma in merito alla mobilità cittadina stiamo lavorando al contempo ad avere al più presto un Piano Urbano del Traffico che ci consentirà di arrivare ad una visione nuova e diversa della città con piste ciclabili, zone pedonali e limitazioni, ma in funzione coordinata, quindi senza scaricare effetti negativi di un provvedimento su un’altra parte della città. Prima del PUT non è però escluso che interverremo su snodi particolarmente critici, come ad esempio è via Ferrari: il tappo che si crea sulla rotatoria con via del Circuito richiede attenzione e interventi, così come arriverà una serie di piste ciclabili prima del piano per consentire percorsi in sicurezza e alternativi all’automobile. Altro fronte è quello del trasporto pubblico, rispetto all’ordinanza abbiamo chiesto a TUA di intervenire sul costo del biglietto dei bus, riducendolo nelle giornate di targhe alterne; le azioni strutturali non dipendono solo da noi: sollecitiamo e abbiamo già sollecitato l’agenzia regionale TUA per pensare ad un trasporto pubblico che si interfacci su gomma e ferro, partendo dai tracciati esistenti in città, perché venga guardata con interesse la ferrovia che attraversa Pescara nel senso nord-sud e nord-ovest per pensare a un mezzo come una metropolitana di superficie che si affianchi al trasporto su gomma”.

Foto 09-01-16, 11 26 35“Il lavaggio delle strade è un intervento complementare all’ordinanza e anche rispetto a una visione organica con il Piano Urbano del Traffico e il potenziamento della rete di autobus e ferrovie – afferma l’assessore all’ambiente Paola Marchegiani – Per coadiuvare il provvedimento abbiamo calendarizzato dei lavaggi straordinari delle strade cittadine che si aggiungeranno ai lavaggi in atto e già da febbraio passeremo ad un divieto di sosta programmato per il lavaggio delle strade che diventerà una misura ordinaria perché è necessario che venga eseguito, i lavaggi incidono infatti sulla qualità dell’aria e anche se di portata limitata è un contributo importante che non può essere ignorato considerata la situazione che viene indicata dai dati”.

Bici in rete: positivo incontro

Bici in rete: positivo incontro

PESCARA -. Si è svolto ieri sera, lunedì 14 dicembre alle 21,00 presso il Bar Napoli, il nuovo incontro pubblico di presentazione della bozza progettuale relativa alla realizzazione di interventi di tutela delle utenze deboli, in particolare ciclisti, lungo Via Muzii e dintorni. Presenti per l’Amministrazione comunale il Sindaco Marco Alessandrini e l’Assessore alla Mobilità Enzo Del Vecchio, oltre a diversi componenti il Consiglio comunale e ai tecnici del settore Dopo i saluti del Sindaco, che ha rimarcato la bontà del processo partecipativo adottato per l’occasione e che l’Amministrazione intende praticare anche su altri fronti decisionali, il Dirigente del Settore Lavori Pubblici ha illustrato il lavoro svolto dagli uffici comunali e le proposte progettuali emerse. “Seconda serata all’insegna della partecipazione quella che è svolta nei locali del Bar Napoli  – dice il vice sindaco e assessore alla Mobilità Enzo Del Vecchioper ragionare insieme, amministrazione e cittadini, sull’ipotesi di realizzazione di una serie di interventi a favore della mobilità ciclistica lungo via Muzii, dalla Strada Parco a via Regina Margherita, verso il lungomare e verso la stazione ferroviaria. Sulle tematiche introdotte si è aperta una serena discussione tra i presenti che hanno convenuto in particolare su una delle ipotesi prospettate. Sono fermamente convinto che sulla strada la bicicletta vada posta allo stesso livello degli altri mezzi di trasporto, con identica e pari se non superiore dignità e che le corsie e le piste ciclabili non possono essere realizzare lungo arterie stradali deserte, ma su quelle dove ci sono servizi, negozi, esercizi commerciali in genere presso cui per un utente in bici è molto più facile fermarsi senza alcun problema di parcheggio”.

Bici in rete: secondo incontro

Bici in rete: secondo incontro

Bici in rete presidio 28-11-205PESCARA – Si svolgerà stasera, 14 dicembre 2015, il nuovo incontro pubblico di presentazione della bozza progettuale relativa alla realizzazione di interventi di tutela delle utenze deboli, in particolare ciclisti, lungo Via Muzii e dintorni previsto, alle ore 20,30, di nuovo nei locali del Bar Napoli. “Ciò si è reso necessario – informa Enzo Del Vecchio, assessore alla Mobilità – allo scopo di valutare al meglio le osservazioni, i suggerimenti, i commenti, raccolti fino ad oggi, sia in occasione dei precedenti appuntamenti sia attraverso i moduli di sondaggio cartacei nonché on linee raccolti per un totale di oltre 150 schede. Particolarmente significativi sono alcuni dati volantino_A3_14 dicembreemersi dai questionari: la maggioranza dei ciclisti infatti si sposta in bici per questioni di tempo e per evitare il problema dei parcheggi, inoltre la maggiorana dei ciclisti si sposta tutti i giorni; particolarmente curioso è il dato della maggioranza dei ciclisti che non sceglie la bici per stare in compagnia e quindi per svago ma mezzo di trasporto. Sempre dalla lettura dei questionari è emerso che: una delle zone più critiche per i ciclisti è sicuramente l’uscita della strada parco su Viale Muzii su cui sarà data adeguata evidenza progettuale e su cui sarà necessario intervenire anche in tempi più lunghi. I progetti a cui i nostri uffici stanno lavorando” conclude l’Assessore Del Vecchio”, valuteranno inoltre anche le esigenze prospettate nell’ultimo incontro dai commercianti e dai residenti. Il ventaglio delle proposte prenderà in considerazione le sollecitazioni di entrambe le categorie, al fine di pervenire ad una soluzione la più soddisfacente possibile, ancorché in grado di fare fronte alle necessità di riduzione del traffico, dell’inquinamento nonché di garantire le migliori e più diffuse condizioni di sicurezza stradale per tutti gli utenti”.

Bici in rete: l’avviso pubblico

Bici in rete: l’avviso pubblico

Tutto pronto per il secondo incontro pubblico di confronto con i cittadini per dare corso al processo partecipato attivato dall’Assessorato alla mobilità in previsione della realizzazione di una serie di interventi a favore della mobilità ciclistica lungo via Muzii, dalla strada parco a via Regina Margherita, verso il lungomare e verso la stazione ferroviaria. L’incontro si terrà nei locali dal Bar Napoli alle ore 20,30 di lunedì 14 dicembre. A seguire alcuni momenti dell’affissione delle locandine lungo via Muzii.

Misure antismog

Misure antismog

Misure anti smog, il sindaco firma l’ordinanza che vieta la circolazione alle auto più inquinanti. Sarà in vigore dal 14 al 18 dicembre – Il sindaco Marco Alessandrini ha firmato l’ordinanza n. 647, che pone limitazioni di circolazione alle auto dal 14 al 18 dicembre, dalle ore 8,30 alle ore 13,00 e dalle ore 16,00 alle ore 20,00, all’interno dell’area delimitata dal seguente percorso viario: V.le G. Pepe, V.le G. Marconi, Via M. Polo, Piazza della Marina, Ponte Asse Attrezzato, Via R. Paolucci (fino alla rotatoria con Via P. Gobetti e ritorno su Piazza Italia), Piazza Italia, Piazza Duca D’Aosta, C.so Vittorio Emanuele II, Piazza dei Martiri Pennesi, Via S. Pellico, V.le L. Muzii, (v. planimetria allegata), e facendo comunque salve tutte le altre limitazioni imposte da altre ordinanze sindacali e/o dirigenziali. Si precisa che le predette strade, di contorno all’area individuata, sono escluse dai provvedimenti. Si tratta di un provvedimento straordinario e urgente che per effetto della contingibilità e urgenza non disporrà dell’apponimento della segnaletica stradale, ma varrà per tutti la comunicazione svolta attraverso i mezzi di informazione e siti istituzionali. 

Per verificare la propria condizione inserire la targa della propria auto al seguente link

VERIFICA LA CLASSE

Il divieto di circolazione riguarda le seguenti tipologie di veicoli:

  • auto a benzina “euro 0” ed “euro 1” (ovvero non conformi, a seconda della categoria di veicolo, alla Direttiva 94/12/CEE e successive, oppure alla Direttiva 96/69/CEE e successive, oppure alla Direttiva 91/542/CEE – Fase II e successive);
  • auto diesel “euro 0”, “euro 1” ed “euro 2” (ovvero non conformi, a seconda della categoria di veicolo, alla Direttiva 98/69/CEE e successive, oppure alla Direttiva 1999/96/CEE e successive);
  • motoveicoli e ciclomotori a due, tre, quattro ruote a 2 e 4 tempi “euro 0” ed “euro 1”(ovvero non conformi, a seconda della categoria di veicolo, alla Direttiva 97/24/CE e Fase II e successive, oppure alla Direttiva 2002/51/CE e successive).

Pescara, 10 dicembre 2015

Bici in rete: l’incontro con i cittadini

Bici in rete: l’incontro con i cittadini

PESCARA, 30/11/2015 – Grande successo dell’assemblea pubblica sulle piste ciclabili di viale Muzii. Del Vecchio: “Soddisfatti per la voglia di partecipazione della cittadinanza alle scelte sulla sostenibilitàBici in rete Bar Napoli 30-11-2015 news 1

Partecipato e sentito il secondo della serie di incontri promossi dal Comune di Pescara nell’ambito del progetto di riconnessione dei segmenti ciclistici oggi esistenti in città, Bici-in-rete. La saletta del Bar Napoli, luogo dell’incontro con i residenti di via Muzii era gremita di cittadini e commercianti che serenamente hanno commentato e presentato proposte fino a tarda ora su come rendere più vivibile e compatibile la zona alla mobilità su due ruote. Il vice Sindaco, Enzo Del Vecchio, e il Sindaco, Marco Alessandrini, presenti per tutta la durata dell’incontro, con una ricca rappresentanza dell’ufficio comunale mobilità e tutti i consulenti del centro di Monitoraggio e Gestione Sicurezza Stradale, hanno rispettivamente tenuto a precisare quanto il tema della mobilità urbana viva oggi una nuova stagione che necessita di nuove attenzioni e comporta nuovi scenari. Sotto la conduzione di Alessandro Feragalli, referente comunale del processo partecipato, infine, il confronto fra cittadini residenti, commercianti della zona, ciclisti e rappresentanti di varie associazioni di promozione dell’uso della bicicletta, nonché delle diverse forze politiche di maggioranza e minoranza presenti all’incontro.

Bici in rete Bar Napoli 30-11-2015 (27)E’ stato un confronto utilissimo oltre che partecipato – racconta il vice Sindaco Enzo Del Vecchio – I temi più toccati sono stati la convivenza fra pista e parcheggi, con l’esigenza sentita da commercianti e residenti, di tutelare al più possibile la sosta, pur senza manifestare contrarietà alla realizzazione di tracciati ciclabili, e dall’altra, la richiesta di uno spazio riservato alle due ruote da parte di quanti utilizzano la bici per gli spostamenti, con la convinzione che possa migliorare le condizioni di vita della zona nonché incrementare le attività commerciali. Scenari che rimandano non solo allo spazio di manovra dei mezzi di trasporto, motorizzati o no, ma a contesti di qualità sociale e ambientale, e quindi economica e di servizi, di cui la città è carente e di cui ha urgentemente bisogno e sui cui l’Amministrazione comunale è chiamata a decidere e ad agire“.

Bici in rete Bar Napoli 30-11-2015 (28)La Città di Pescara – ha concluso il sindaco Marco Alessandrininel 1950 non era così. Lo è diventata nel tempo, per scelte urbanistiche che possono, anzi oggi devono essere riviste e migliorate lavorando sulla prospettiva e non ingessando il futuro sul contesto attuale. E il percorso partecipato che l’Amministrazione ha messo in atto con il progetto Bici-in-rete ne è una testimonianza pratica e concreta che sosterremo con decisione per tutti gli altri ambiti di progetto individuati, consapevoli della bontà del processo, e confortati dalla significativa partecipazione agli incontri”.

L’incontro si è concluso con l’annuncio di una nuova assemblea pubblica che si terrà il 10 dicembre per discutere delle prime ipotesi progettuali che, una volta raccolti e vagliati i suggerimenti emersi nella serata, saranno redatte dai tecnici del settore.

Bici in rete: il sondaggio

Bici in rete: il sondaggio

Bici in rete presidio 28-11-205 (44)PESCARA – Messa in rete delle piste ciclabili cittadina, partita la fase della condivisione. Del Vecchio: “Oggi riempiti oltre 100 questionali, lunedì al Bar Napoli il primo incontro con i cittadini” – Si è aperta con la compilazione dei questionari la fase condivisa del progetto di unificazione di tutta la rete di piste ciclabili cittadine “Bici in rete”. Stamane dalle ore 10 alle 12 i residenti nella zona fra strada parco, viale Muzii e via Regina Margherita sono stanti fermati, informati e invitati a compilare i questionari per esprimere istanze e punti di vista su come migliorare la mobilità sostenibile della zona, presso lo stand del Comune posto all’imboccatura della via.
Bici in rete presidio 28-11-205 (7)A divulgare le finalità del progetto che riguarderà il tratto che collegherà le piste ciclabili di via Regina Margherita a viale Muzii e Strada Parco c’erano il sindaco Marco Alessandrini, il vice sindaco e assessore alla Mobilità Enzo Del Vecchio, il presidente della Commissione Viabilità Francesco Pagnanelli, consiglieri comunali e i tecnici del Settore Mobilità che hanno fatto da divulgatori delle iniziative.

Bici in rete presidio 28-11-205 (6)Un grande successo la prima fase di condivisione del progetto Bici in rete – afferma il vice sindaco Enzo Del Vecchio – Oltre cento persone si sono fermate e hanno compilato i questionari, altrettante persone, sia a bordo delle biciclette che a piedi si sono fermate e hanno espresso curiosità e apprezzamento per l’attenzione dell’Amministrazione ad una mobilità davvero sostenibile per la città. Siamo più che soddisfatti delle premesse con cui il progetto decolla: il prossimo appuntamento ci vedrà lunedì sera 30 novembre alle 20,30 presso il Bar Napoli.

IBici in rete presidio 28-11-205 (20)l 10 dicembre, recepite le istanze la proposta progettuale approderà in Consiglio Comunale, visto che godiamo già del favore della Commissione Viabilità a cui abbiamo sottoposto il progetto e la tabella di marcia, trovando un positivo e unanime riscontro nei consiglieri. Quello di via Muzii è il primo di cinque assi di intervento.
Attraverso questo percorso partecipato svolgeremo un’attività di sensibilizzazione e captazione di queste iniziative. Per partire abbiamo a disposizione 250.000 euro
già stanziati sul Piano Triennale delle Opere Pubbliche e vedremo di ampliare le risorse il più possibile in modo da fare il maggior numero dei collegamenti e consegnarlo alla città con un’idea di sostenibilità costruita insieme. Non si parte da zero: Pescara ha circa 20 i km di piste ciclabili, alcune sono collegate,
altre mancano di segmenti anche piccoli per poter diventare un percorso
L’Amministrazione farà un piano della mobilità ciclabile per rendere tali percorsi una vera e Bici in rete presidio 28-11-205 (46)propria rete. Dopo la strada parco passeremo al centro storico (Manthonè/viale D’Annunzio/via Caduti del Forte/piazza Unione), poi all’asse centrale nord/sud (viale Marconi Corso Vittorio), poi l’ambito Università (Viale Pindaro/stadio/Lungomare) e infine il Ponte della Libertà: collegamento via strada pendolo/lungofiume argine nord. Un lavoro che si potrà seguire passo passo sul nuovo portale della Mobilità online da qualche giorno strutturato per informare, dare servizi attraverso la modulistica e interagire con la comunità”.

Bici in rete: si comincia

Bici in rete: si comincia

Con l’incontro con il Presidente Francesco Pagnanelli e poi con l’intera Commissione comunale Grandi Infrastrutture e Mobilità è cominciato il percorso di condivisione del progetto Bici-in-rete, cioè la riconnessione dei tracciati ciclabili oggi esistenti a Pescara. In tal modo l’Assessorato Enzo Del Vecchio ha inteso dare concretezza ad un nuovo iter procedurale relativo alla progettazione del nuovo sistema viario ciclistico cittadino, con continui momenti di confronto con i vari soggetti a qualunque titolo coinvolti dai vari interventi, a cominciare da tutte le forze politiche, quindi dalla Commissione referente, per poi coinvolgere anche gli utenti e le rappresentanze delle più svariate categorie.

Via Monte di Campli

Via Monte di Campli

Incontro con i cittadini in via Monte di Campli: dai residenti la richiesta di mettere in sicurezza la strada – Il Sindaco Marco Alessandrini, il vice sindaco Enzo Del Vecchio, il presidente del Consiglio Comunale Antonio Blasioli, insieme al responsabile dei Lavori Pubblici e Mobilità del Comune Ing. Giuliano Rossi, hanno incontrato i cittadini di via Monte di Campli. Si tratta di un confronto voluto dai residenti della zona per prendere atto di una situazione di elevata criticità su una strada ad alto tasso ditraffico, dove peraltro non sono di secondo piano anche le alte velocità che rendono pericolosa la sua fruizione sia per le auto che per i pedoni.

Ci hanno sottoposto la situazione della strada che si trova in una zona di percorrenza ad alta velocità – riferisce il sindaco Marco Alessandrini di cui per anni i residenti hanno chiesto la messa in sicurezza, sia perché, come detto, la velocità del traffico è abbastanza elevata, sia pure perché sono nescessari marciapiedi per rendere vita più semplice ai pedoni. Abbiamo fatto loro presente che in questa fase l’Amministrazione ha risorse piuttosto ristrette per poter intervenire con un progetto ampio, peraltro ricompreso anche nel Triennale delle Opere Pubbliche con annualità 2016, tanto abbiamo a cuore la necessità di intervenire. In attesa di reperire fondi utili sia alla messa in sicurezza della via, che a una riqualificazione della stessa, ci siamo comunque impegnati a prendere provvedimenti, in modo tale da abbassare la velocità che le macchine prendono nel percorrerla e non mettere a rischio i pedoni e le utenze definite deboli che lì risiedono. Gli interventi possono essere riferiti a due aspetti, uno di urgenza, con la messa in sicurezza stradale attraverso la rifunzionalizzazione della rotatoria che si trova fra via Monte di Campli e via Fonte Romana e, contemporaenamente, con l’adozione misure per la riduzione della velocità del traffico. In un secondo momento, che ci auguriamo sia a breve, intendiamo procedere alla riqualificazione di tutta la strada con il rifacimento di marciapiedi e del manto stradale, con l’apposizione anche degli appositi rallentatori”.